domenica 30 ottobre 2016

SPEZZATINO DI MAIALE IN CESTINI DI POLENTA

Viste le temperature primaverili se non estive di questo ponte, pare che l'autunno non voglia proprio arrivare. Però mi porto avanti.. che non si mai...

Questa ricetta - anche economica - è della serie "guardiamo cosa abbiamo in frigo" motivo per il quale ho utilizzato un taglio di maiale differente (fette di coppa) da quello che converrebbe acquistare (la lonza) ed ho sostituito i pelati con del semplice triplo concentrato di pomodoro.

Ingredienti per 4 persone:


Per lo spezzatino:

- 800 gr di spezzatino di maiale (lonza)
- 400 gr di pomodori pelati (o pezzettoni o salsa)
- 1 cipolla
- 1 spicchio d'aglio pelato ed intero
- 2 foglie di alloro
-  Bacche di ginepro /facoltativo)
- 1 bicchiere di vino rosso

Per i cestini di polenta

- 250 gr di polenta a cottura rapida
- Acqua (secondo istruzioni sulla confezione)
- Sale q.b.


Sbucciate la cipolla, affettatela e mettetela a rosolare in una pentola antiaderente con un filo di olio evo insieme allo spicchio d'aglio pelato ed intero.

quando la cipolla risulterà appassita, unite la carne, fatela rosolare per bene, e sfumate con il vino rosso; aggiungete poi i pomodori, le foglie di alloro e  le bacche di ginepro . Abbassate la fiamma, coprite con un coperchio  e lasciate cuocere per circa 90 minuti aggiungendo qualche cucchiaio d'acqua o brodo se tendesse ad asciugare. Salate pepate e tenete in caldo.

Preriscaldate il forno a 180° in funzione grill. Oleate alcuni stampini. 

Seguendo le istruzioni, portate ad ebollizione l'acqua necessaria, salatela e versatevi la polenta a pioggia mescolando sino a cottura; poi trasferitela negli stampini precedentemente oleati e fatela raffreddare.

Quando la polenta risulterà solidificata, estraetela con delicatezza e con l'aiuto di un coppa pasta e di un cucchiaino, scavatela senza rompere il fondo. Riempite l'incavo con lo spezzatino, spolverizzate con un pochino di parmigiano e  trasferite i cestini di polenta su di una leccarda foderata di carta forno. Disponete la teglia sotto il grill e lasciate cuocere per circa 5 minuti in modo che si formi una sottile crosticina sulla superficie. 

Servite i vostri cestini caldi.






sabato 29 ottobre 2016

BERODO (SANGUINACCIO) ALLA LIGURE

Lo ammetto... non è un piatto che mi fa impazzire ma,  in quelle rare occasioni che il mio papà acquista i sanguinacci a Castagnola, frazione di #Framura, elargendomene gentilmente uno, lo cucino volentieri e rigorosamente con le cipolle e solo in Inverno.

Ma cosa è esattamente il berodo (termine Ligure di sanguinaccio)? E' un prodotto povero che affonda le sue radici nel periodo pre-cristiano quando Roma dominava la Valpolcevera (detta anche la valle dei maiali). Esso è ricavato dal sangue fresco del maiale mischiato al latte non scremato con l'aggiunta di pinoli, erbe aromatiche, sale e lardo fresco. La storia narra che la sua produzione fosse prerogativa femminile in quanto, mentre gli uomini si occupavano della macellazione del maiale, le donne in cucina preparavano e cuocevano il sanguinaccio da offrire per la festa del maiale.




Ingredienti per 4 persone:


- 4 sanguinacci
- 2 cipolle bianche o ramate
- Olio EVO
- 1/2 bicchiere di vino bianco
- Sale q.b.


Sbucciate le cipolle ed affettatele, poi mettetele a rosolare in una padella capiente con 2 cucchiai di olio evo sino a quando saranno appassite e morbide, aggiungendo nel caso un pò d'acqua in modo da non farle attaccare; salate se necessario.

Eliminate il filo dai sanguinacci, tagliateli a fette, aggiungeteli alle cipolle, sfumate con il vino bianco e lasciateli cuocere per circa 10 minuti.







Serviteli caldi altrimenti diventano una "mappazza".









venerdì 28 ottobre 2016

MINI POLPETTONI FARCITI


Come al solito ho acquistato carne macinata per un reggimento.. quindi dopo le polpettine al limone e timo, Aaron ed io ci siamo sbizzarriti in questi mini polpettoni farciti con ciò che offriva il frigo in questo lungo ponte. O meglio ciò che era rimasto in frigo... mortadella e fontal.


Ingredienti per 4 persone:

- 400 gr di carne macinata
- 1 uovo
- 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
- 1 fetta di pane da tramezzini
- Pan grattato q.b.
- 1 pizzico di noce moscata
- Prezzemolo (facoltativo)
- 100 gr di mortadella a fette
- 50 gr di formaggio a pasta filata
- Olio extravergine di oliva
- Carota e cipolla a dadini
- 1 mestolo di brodo
- Sale e pepe q.b.



In una ciotola mettete la carne macinata, l'uovo, il parmigiano, la mollica del pane bagnata nel latte e strizzata, il sale, il pepe, il prezzemolo tritato (io l'ho sostituito con l'erba cipollina)  ed un pizzico di noce moscata. Impastate il tutto con le mani e nel caso il composto risultasse troppo morbido, aggiungete qualche cucchiaio di pan grattato. Dividete la carne in parti uguali.

Disponete l'impasto su di un foglio di carta forno ed appiattitelo ottenendo dei quadrati sui quali posizionerete le fette di mortadella ed una striscia di formaggio. Avvolgete il tutto premendo delicatamente.



Preriscaldate il forno a 180°. 

In una teglia che possa andare anche in forno, fate soffriggere la carota, e la cipolla in un cucchiaio di olio evo; quando le verdure saranno appassite, unite i polpettoni e fateli rosolare omogeneamente.

Aggiungete un mestolo di brodo ed infornate per 30/35 minuti bagnando ogni tanto la carne con il fondo di cottura.



In alternativa potete terminare la cottura sul fuoco.

Servite caldi magari con patate o verdure al forno.



mercoledì 26 ottobre 2016

SCOTCH EGGS


Le uova alla scozzese o scotch eggs sono un piatto della tradizione britannica solitamente preparate in occasione di picnic. Non si tratta certo di una ricetta leggera in quanto composte da uova semi sode avvolte da pasta di salsiccia aromatizzata, impanate (doppia impanatura) e fritte.. ma ogni tanto si può fare uno strappo alla regola facendole diventare un piatto unico da accompagnare magari con una semplice insalata. Inoltre ne esistono mille versioni differenti..

Ingredienti per 4 persone:

- 4 uova
- 350 gr di salsiccia
- 1 scalogno tritato
- 1 cucchiaio di senape in polvere
- Prezzemolo (che potete sostituire con altre erbe aromatiche)
- 1 pizzico di noce moscata

Per la panatura:

- 1 uovo
- Farina q.b.
- Sale e pepe q.b.
- Pane grattato q.b.
- Olio per friggere


Mettete le uova in una pentola di acqua fredda e cuocetele per 5 minuti (4 se volete lasciare il tuorlo più morbido) dal momento dell'ebollizione, passatele sotto l'acqua fredda, sgusciatele e mettetele da parte.

In una terrina mescolate la pasta della salsiccia insieme alla senape. allo scalogno tritato ed al prezzemolo, poi dividete l'impasto in 4 parti uguali.

Preparate 3 piatti differenti: 1 con la farina salata e pepata, 1 con l'uovo sbattuto ed 1 con il pan grattato. Passate le uova sode nella farina.



Stendete una parte della salsiccia su di un piatto o su di un foglio di carta forno, mettete al centro l'uovo sodo ed andate a ricoprirlo totalmente.




Poi passatelo nella farina, nell'uovo, nel pangrattato e nuovamente nell'uovo e nel pane. Ripetete questa operazione per le altre 3 uova sode e friggete in olio caldo.





In alternativa potete infornare le vostre uova a 200° per circa 15 minuti.

Varianti:

- Se volete trasformare questo piatto in un antipasto, provate ad utilizzare le uova di quaglia.

- Per un piatto più light utilizzate la carne macinata al posto della salsiccia.








Con le uova di quaglia.. 






martedì 25 ottobre 2016

POLPETTINE DI CARNE AL LIMONE E TIMO

Le polpettine al limone sono un secondo piatto semplice, veloce e molto saporito grazie al gusto deciso del limone ed all'aroma del timo e delle erbe aromatiche. Un'alternativa alle classiche polpette..

Ingredienti per 6 persone:

- 500 gr di carne macinata
- 30 gr di mollica di pane
- Latte q.b.
- 1 uovo
- 1 cucchiaio di Parmigiano
- 3/4 fili di erba cipollina
- 1 cucchiaio di prezzemolo tritato(facoltativo)
- 1/2 bicchiere di vino bianco
- Una noce di burro (o 1 cucchiaio d'olio EVO)
- 1 limone non trattato
- 2 mestoli di brodo vegetale
- 3 rametti di timo
- Farina q.b.
- Sale e pepe q.b.


In una ciotola capiente disponete la carne, l'uovo, il parmigiano, la mollica di pane bagnata nel latte e strizzata. la scorza del limone grattugiata, l'erba cipollina tagliata fine e gli aghi di 1 rametto di timo. Salate, pepate e lavorate il tutto aggiungendo un pò di farina qualora l'impasto risultasse troppo morbido.

Una volta ottenuta la consistenza desiderata, con le mani inumidite, andate a formare delle piccole polpette che passerete nella farina.

Fate sciogliere il burro in una padella antiaderente, aggiungete le polpettine e lasciatele rosolare sino a che non si sarà formata una crosticina in superficie. Sfumate con il vino bianco ed una volta evaporata la parte alcoolica aggiungete un mestolo di brodo. Abbassate la fiamma, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa 30 minuti, aggiungendo nel caso qualche cucchiaio di brodo.

Quando le polpette saranno quasi a cottura, versate il succo del limone, aggiungete gli aghi di un rametto di timo, il prezzemolo tritato (io non l'ho messo per mio gusto personale)  e lasciate sul fuoco sino a quando si formerà una cremina.

Servite calde con il terzo rametto di timo come guarnizione.






lunedì 24 ottobre 2016

CROCCHETTE DI FAVE E SALAME CON SALSA LEGGERA AL PECORINO


Fave e salame, un accostamento molto primaverile riadattato a periodi un pò più freddi utilizzando naturalmente le fave secche o congelate. Un piacevole finger food o secondo piatto arricchito da una salsa leggera a base di latte e pecorino romano.


Ingredienti per 4 persone:

- 500 gr di fave surgelate
- 1 cipolla di tropea fresca/2 cipollotti
- Olio EVO q.b.
- 3 uova
- 200 gr di salame
- Farina 00 ( o di riso)q.b.
- 5 cucchiai di pecorino
- Latte q.b.


Sbucciate e tritate grossolanamente la cipolla di tropea (o i cipollotti) e fateli imbiondire in una padella con poco olio.

Lessate le fave per qualche minuto, poi scolatele e passatele sotto l'acqua fredda in modo da fermare la cottura.  Tagliate il salame a pezzi, mettetelo nel mixer insieme alle fave e tritate il tutto grossolanamente.

Preriscaldate il forno a 200°.

In una terrina disponete il trito di fave e salame, le uova, la cipolla e qualche cucchiaio di farina; amalgamate il tutto aggiungendo ancora un pò di farina se il composto risultasse troppo morbido.

Con le mani inumidite formate delle crocchette che poi andrete ad infarinare. Stendete un foglio di carta da forno su di una leccarda, disponetevi le crocchette, versatevi sopra un filo di olio evo ed infornate per circa 15 min. girandole a metà cottura.

In un pentolino antiaderente versate qualche cucchiaio di latte e quando sarà caldo unite il pecorino grattugiato; fate cuocere a fiamma bassa mescolando sino a quando assumerà la consistenza di una crema piuttosto liquida.

Servite le crocchette con la salsa.






domenica 23 ottobre 2016

VELLUTATA DI CAVOLO ROSSO CON BURRATA E PISTACCHI




Ingredienti per 4 persone:

1/2 cavolo cappuccino rosso
- 2 piccole patate
- 1 cucchiaio di olio evo
-1 lt di brodo vegetale
- 1 scalogno (o porro)
- 2 piccole burrate
- 4 cucchiai di pistacchi
- Sale e pepe q.b.


Sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti; eliminate le foglie rovinate del cavolo ed affettatelo.

In una pentola antiaderente fate soffriggete il porro o lo scalogno tritato grossolanamente in un cucchiaio di olio evo; quando sarà appassito aggiungete il cavolo e le patate, lasciate rosolare, abbassate la fiamma, coprite con 3/4 del brodo e lasciate cuocere per lo meno 20 minuti sino a quando le verdure saranno morbide.

Frullate il tutto con un frullatore ad immersione, aggiungete ancora del brodo per regolare la consistenza della vellutata, trasferite la crema in singoli piatti e servite con al centro la burrata ed una spolverata di pistacchi sgusciati.

Variante: per un sapore più intenso potete sostituire i pistacchi con bottarga grattata.







martedì 18 ottobre 2016

RISOTTO CAVOLO ROSSO E CALAMARI



Ingredienti per 4 persone:

- 320 gr di riso
- 1/2 cavolo viola
- 3 calamari piccoli
- 1 porro
- 1 spicchio d'aglio
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco
- 1 L e 1/2 di brodo vegetale
- Sale e pepe q.b.
- Burro 1.b. (o se preferite olio EVO)


Lavate i calamari, puliteli, eliminate l'interno, gli occhi ed il becco e tagliateli a listarelle; preparate il brodo vegetale.

Togliete le foglie esterne del cavolo ed affettate la parte che vi serve; tagliate il porro a rondelle e sbucciate lo spicchio d'aglio.

In una padella o pentola antiaderente, fate rosolare il porro e lo spicchio d'aglio in qualche cucchiaio di olio evo, aggiungete i calamari lasciandoli insaporire, il cavolo (tenendone da parte qualche fettina) e successivamente il riso. Quando quest'ultimo sarà tostato, sfumate con il vino bianco, lasciate evaporare, coprite con il brodo ed abbassate la fiamma. 

Fate cuocere il vostro risotto a fuoco lento aggiungendo qualche mestolo di brodo in modo che non si attacchi e solo a cottura quasi ultimata regolate di sale e pepe. Spegnete la fiamma, aggiungete ancora un giro di olio di oliva e lasciate riposare per qualche minuto prima di servire decorando con qualche strisciolina di cavolo rosso.






lunedì 17 ottobre 2016

TRANCIO DI SALMONE IN CROSTA DI PATATE, CIPOLLE ED ANETO (CON CHIPS DI PATATE)

Sinceramente mangerei salmone in tutte le salse. Crudo (con le necessarie precauzioni) cotto in tutti i modi. Lo adoro !! L'abbinamento di questo pesce con l'aneto è molto utilizzato in altri paesi, se poi aggiungiamo patate e cipolle di tropea, diventa un pò più nostro.

Ingredienti per 4 persone:


- 4 tranci di salmone (con la pelle anche surgelati)
- 5/6 ( dipende dalla grandezza)
- 2 cipolle di tropea 
- 2 cucchiai di aneto fresco
- Sale e pepe q.b.
- Olio EVO q.b.

Pelate  tutte le patate, sbucciate le cipolle, tritate l'aneto.  Grattate 3 patate e le cipolle in una terrina, aggiungete l'aneto e regolate di sale e pepe.

Foderate una pirofila con un foglio di carta forno, impanate i tranci di salmone con il trito di patate, cipolle ed aneto e posizionateli all'interno della teglia. Con una mandolina affettate le patate restanti ed aggiungetele al salmone, irrorando con un filo d'olio.



Infornate per 15 minuti e servite i tranci di salmone caldi.






sabato 15 ottobre 2016

TRIPPA STUFATA CON CAVOLO NERO

Ho comprato il cavolo nero perchè lo adoro, poi una volta arrivata a casa ho capito di avere mille modi per cucinarlo ed ammetto di esser un pò entrata in ansia. Poi ho ricordato di avere la trippa e facendo 2+2 ne è uscito un secondo piatto gustoso che certamente non accoglierà il plauso di tutti...:)

Ingredienti per 3 persone:

- 300 gr di trippa (precotta)
- 1 carota
- 1 cipolla piccola
- 1 gambo di sedano
1 spicchio d'aglio
- 1 lt. di brodo vegetale
- 1 mazzetto di cavolo nero
- 2 piccole patate (facoltative)
- 1 rametto di timo (facoltativo)
- 20 gr di funghi porcini secchi
- 1 cucchiaio di pinoli
- Olio EVO q.b.
- Parnigiano  q.b. 



Mettete i funghi secchi ad ammollare in acqua tiepida per circa 20 minuti, poi strizzateli e tagliateli a pezzetti. 

Lavate il cavolo nero, asciugatelo, eliminate la parte centrale delle foglie e tagliatelo a strisce; preparate il brodo vegetale, sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti.

Sbucciate la cipolla, la carota, eliminate i filamenti del sedano e tritate il tutto. 

In una pentola antiaderente fate soffriggere il trito di verdure ed uno spicchio d'aglio sbucciato con qualche cucchiaio d'olio. Quando saranno appassite aggiungete la trippa, i funghi ammollati e lasciate rosolare per qualche minuto. Unite il cavolo nero e le patate mescolando, aggiungete parte del brodo e fate stufare a fuoco moderato con il coperchio per circa 25 minuti versando qualche cucchiaio di brodo per evitare che asciughi troppo.

Trascorso questo tempo aggiungete i pinoli ed il timo; regolate di sale e pepe e terminate la cottura sino a quando la trippa sarà diventata tenera.




giovedì 13 ottobre 2016

SALMONE TERIYAKI CON EDAMAME CROCCANTI

Un piatto diverso, leggero, semplice, e veloce da preparare. Da gustare come secondo piatto magari con gli edamame croccanti al forno o perchè no... accompagnato da zucchine.

Ingredienti per 4 persone:

- 4 filetti di salmone con la pelle
- 2 spicchi d'aglio tagliati a fette (facoltativo)
- Qualche fetta di radice di zenzero
- 4 cucchiai di semi di sesamo
- 1 cucchiaio d'olio
- 3 cucchiai di mirin
- 3 cucchiai di sake
- 3 cucchiai di salsa di soia
- 1 cucchiaio di zucchero
- In alternativa 3 cucchiai di salsa teriyaki.

Per gli Edamame croccanti:

http://aaronpassamilaglio.blogspot.it/2016/10/edamame-croccanti-al-forno.html





Disponete i filetti di salmone in una pirofila, conditeli con l'emulsione ottenuta dal mirin, il sake e la salsa di soia, disponete le fette di aglio e zenzero e lasciate marinare coperti in frigo per circa un'ora.






Versate l'olio in una padella antiaderente, scolate il salmone tenendo il liquido, fatelo scottare da entrambe le parti, poi aggiungete la marinata e cuocete per pochi minuti sino a che la salsa diventerà densa. (il salmone deve rimanere rosato all'interno).

In un'altra padella fate tostare i semi di sesamo, disponeteli sul salmone e servite irrorando con la salsa.





martedì 11 ottobre 2016

EDAMAME CROCCANTI AL FORNO

Adoro carne e pesce e mi ritengo una carnivora conscia, nel senso che pur amando la "ciccia" mi limito a mangiarla forse una volta alla settimana. Premesso ciò da quando ho scoperto gli Edamame (fagioli di soia coltivati in Italia da una nota marca) non posso farne a meno perchè sono buoni. Sono buoni sbollentati e conditi semplicemente con olio, sale e pepe e sono buoni al forno come aperitivo o contorno. 

Ingredienti per 4 persone:

- 1 busta di edamame Orogel surgelati
- 1 porro
- Peperoncino fresco q.b.
- Una punta di paprika (facoltativa)
- 3 cucchiai di olio EVO
- Sale e pepe q.b.
- 2 cucchiai di semi di sesamo nero


Preriscaldate il forno a 180°.

Affettate il porro dopo aver eliminato le foglie più spesse e tagliate qualche rondella di peperoncino. Fate sbollentare gli Edamame in acqua bollente salata per qualche minuto, poi scolateli.

In una terrina che possa andare in forno disponete gli edamame scolati, il porro, ed il peperoncino ( la paprika a gradimento); regolate di sale e pepe, irrorate con qualche cucchiaio d'olio e spolverizzate con i semi di sesamo nero.



Lasciate cuocere in forno per circa 20 minuti stando attenti che non asciughino (nel caso aggiungete un goccio d'acqua od latro olio).

Servite tiepidi come aperitivo o contorno.





lunedì 10 ottobre 2016

GRANO SARACENO RISOTTATO CON BORRAGINE E MAGGIORANA


Un risotto era troppo semplice... il grano saraceno invece, oltre a piacermi un sacco si presta a numerose preparazioni. La Borragine beh... da buona Ligure non perdo occasione per cucinarla quando la trovo. E poi la maggiorana, che metto ovunque.. un primo piatto forse non canonico ma buono, light e depurativo, seppur la cottura richieda più tempo rispetto al classico risotto.

Ingredienti per 4 persone:

- 320 gr di grano saraceno
- 1 lt di brodo di verdura
- 3/4 mazzi di borragine
- 3 rametti di maggiorana
- 1 porro 
- Olio evo q.b.
- Sale e pepe q.b.
- 2 cucchiai di parmigiano

Lavate le borragini, eliminate i gambi più spessi e tagliatele a listarelle. Affettate il porro e preparate il brodo vegetale.

In una pentola antiaderente fate rosolare il porro con 2 cucchiai d'olio d'oliva, aggiungete il grano saraceno e lasciatelo tostare per qualche minuto mescolando in modo che non attacchi. Trascorso questo tempo unite il brodo e lasciate cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti versando poco alla volta dell'altro brodo. 

Aggiungete le borragini, qualche foglia di maggiorana e regolate di sale e pepe. Quando il grano saraceno sarà giunto a cottura, mantecate con il parmigiano, aggiungete un cucchiaio d'olio, spegnete la fiamma e lasciate riposare qualche minuto.

Servite in piatti singoli con l'aggiunta di qualche rametto di maggiorana ed un filo d'olio.







sabato 8 ottobre 2016

INSALATA TIEPIDA DI BROCCOLI E GAMBERI CON SALSA ALLO ZAFFERANO

Cambio stagione e dieta senza rinunciare al gusto... si può fare con un secondo piatto relativamente leggero ma ricco di nutrienti, proteine, vitamine e sali minerali.

Ingredienti per 2 persone:


- 1 broccolo grande
- 8 gamberi (anche surgelati)
- Olio EVO
- 1 spicchio d'aglio
- Sale e pepe q.b.

Per la salsa allo zafferano:

- 1 cucchiaio abbondante di farina
- 1 bicchiere di latte
- 1/2 bustina di zafferano
- Sale e pepe q.b.
- 1 pizzico di noce moscata


Lavate, mondate il broccolo dividendolo in cimette, poi mettetelo a lessare in acqua bollente salata sino a quando sarà diventato tenero (circa 10 minuti). Scolatelo, passatelo in acqua fredda tenetelo da parte.

Pulite i gamberi eliminando la testa, i carpaci ed il filo nero. In una padella antiaderente fate soffriggere lo spicchio d'aglio in 2 cucchiai d'olio; unite i gamberi, salateli, pepateli e lasciateli cuocere per qualche minuto. Trasferiteli in un piatto e coprite con un coperchio in modo da mantenere il calore.

Versate i broccoli nella stessa padella in cui avete cotto i gamberi e lasciateli insaporire per qualche minuto. Spegnete il fuoco e coprite.

Sciogliete lo zafferano in bicchiere di latte tiepido. Fate tostare la farina in un pentolino antiaderente, unite il latte e mescolate con una frusta in modo che non si formino grumi sino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiustate di sale e pepe, unite un pizzico di noce moscata, amalgamate il tutto e spegnete il fuoco mescolando ancora per qualche secondo.

Disponete i broccoli ed i gamberi in 2 piatti e guarnite con la salsa allo zafferano.









venerdì 7 ottobre 2016

RISOTTO ALLE ERBE AROMATICHE

Chiamarla ricetta svuota frigo sarebbe sminuirla perchè in realtà questa è una ricetta da frigo che si dispera. Pochissimi ingredienti ne fanno un piatto comunque saporito, economico e light se utilizzate l'olio evo al posto del burro.

Ingredienti per 4 persone:

- 320 gr di riso arborio
- Erbe aromatiche (salvia, rosmarino, basilico, maggiorana, timo, erba cipollina, lavanda)
- 1 lt di brodo vegetale
- 2 spicchi d'aglio (in alternativa 1 cipolla)
- Buccia di 1 limone bio
- 1 pomodoro secco (facoltativo)
- Sale e pepe q.b.
- 3/4 cucchiai di olio EVO
- 3 cucchiai di parmigiano o pecorino romano


Lavate, pulite e tritate le erbe aromatiche insieme al pomodoro secco e preparate il brodo vegetale. In una pentola antiaderente fate soffriggere lo spicchio d'aglio (che andrete poi ad eliminare) o la cipolla (od il porro o lo scalogno secondo preferenza), unite il riso e lasciatelo tostare per qualche minuto mescolando. Aggiungete il brodo sino a coprirlo e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 15 minuti, rabboccando quando necessario. 

Trascorso questo tempo, unite le erbe aromatiche tritate ed un pò di scorza di limone grattata; mescolate e portate a cottura versando qualche cucchiaio di brodo se il riso tende ad asciugare troppo. Spegnete il fuoco, mantecate con il parmigiano o pecorino e lasciate risposare un minuto.

Disponete il riso in singoli piatti guarnendo con una rosa di scorza di limone, e qualche rametto di erbe aromatiche.






giovedì 6 ottobre 2016

NUVOLA D'UOVO CON SALSA AL PARMIGIANO


Guardando ogni tanto Top chef Italia, mi ha particolarmente incuriosita la "nuvola d'uovo" preparata dallo Chef  Baldessari che quasi nessuno dei concorrenti è riuscito a riprodurre. A differenza delle numerose ricette che si trovano in rete - in cui il tuorlo rimane in superficie e la cottura avviene in forno - in questa il tuorlo rimane all'interno ed il tutto viene cotto in padella a fuoco moderato 3 minuti per parte. La ricetta originale prevede l'accompagnamento con una crema e dei germogli di piselli, salsa al parmigiano e polvere di liquirizia. Io mi limiterò alla crema di parmigiano ed al limite qualche striscetta di bacon o un pò di granella di pistacchi. Più facile a dirsi che a farsi ma... proviamo.


Ingredienti per 3 persone:

- 3 uova fresche
- 1 pizzico di sale
- Olio EVO

Per la salsa al parmigiano:

- 1 bicchiere di latte
- 1 cucchiaio di farina
- 1 noce di burro
- 4 cucchiai  di parmigiano
- Sale e pepe q.b.
- Un pizzico di noce moscata 

Per la guarnizione:

- 3 fette di bacon
- 3 cucchiai di granella di mandorle



In un pentolino medio mettete la farina con il burro e fatela tostare per qualche minuto a fuoco basso; Aggiungete la metà del latte e mescolate in modo che non si formino grumi, Poi unite il latte rimanente, la noce moscata, il sale, il pepe e continuate a rimestare sino a che il composto avrà la consistenza della panna liquida. A questo punto aggiungete il grana e fate cuocere ancora per qualche minuto sempre mescolando, sino a quando la salsa inizierà a rapprendersi. Spegnete il fuoco e tenete in caldo.

Rompete le uova e con delicatezza separate i tuorli dagli albumi mettendo ogni singolo tuorlo in 3 bicchierini separati. Montate gli albumi a neve ben ferma.



Prendete uno stampino (aperto da entrambi i lati) od un coppa pasta,ungetelo all'interno, posizionatelo su di un foglio di carta forno,  riempitelo con parte degli albumi, create un incavo nel centro ed andate a posizionarvi il tuorlo dell'uovo; poi ricopritelo con l'albume. Ripetete l'operazione con gli altri 2 tuorli.





Ungete una padella antiaderente con un filo d'olio, trasferite le nuvole d'uovo eliminando il coppa pasta e fatele cuocere per 3 minuti. Giratele con molta delicatezza aiutandovi con due spatole e lasciate cuocere per altri 3 minuti.





Trasferitele in singoli piatti guarnendo la superficie con la salsa di parmigiano. Potete aggiungere un pò di granella di pistacchi o delle strisce di bacon ed accompagnare con qualche foglia d'insalata.